Anno Accademico: 2012-2013
:: Ricerca ::
Titolatura
Docente
Settore disciplinare
Corso di laurea
Iscrizione on line Appelli d'esame Avvisi
:: Insegnamento :: Letteratura inglese
Titolatura Letteratura inglese
CDS Traduzione letteraria e saggistica (DM 270)
Docenti Sara Soncini
Tipo di insegnamento Corso
Codici/crediti Modulo unico:084L0 cfu:12
Settore scientifico - disciplinare L-LIN/10 Letteratura inglese
NoteL'insegnamento di Letteratura Inglese si compone di 12 CFU complessivi su due anni di corso, verbalizzabili solo alla fine del percorso.
Il modulo A (6 CFU), dedicato agli studenti del I anno, si terrà nel secondo semestre; il modulo B (6 CFU), dedicato agli studenti del II anno, si terrà nel primo semestre. Entrambi i moduli prevedono un laboratorio di traduzione.
Anche gli studenti che nello scorso a.a. hanno seguito un modulo di Letteratura Inglese mutuato da LEA (Dente o Ferrari) sono tenuti per questo a.a. alla frequenza del modulo B.
Periodo lezioniAnnuale
OrarioSecondo semestre Martedì 10:0-13:30 FLING-3B Palazzo curini, Aula 3B
Commissione: MembriSoncini (presidente), Tchernichova, Dente
Commissione: SupplentiFerrari
Titolo - modulo A o unico“A bit like English and yet not”: tradurre il testo, i linguaggi, le culture
Argomento: Modulo ALa prima parte del corso si propone di illustrare brevemente alcune conoscenze teoriche e competenze fondamentali per leggere e tradurre testi di autori di lingua inglese e approfondirà soprattutto la prospettiva dei Translation Studies che pone al centro della riflessione teorica l’ibridismo linguistico e l'aspetto culturale. Questa parte del corso consentirà agli studenti di riflettere su diversi nuclei problematici soffermandosi, da un lato, su un case study relativo a un testo autobiografico del Settecento contrassegnato da una forte commistione di linguaggi, discorsi e generi; e, dall’altro, avviando una riflessione metodologica sui principali problemi insiti nel tradurre testi contemporanei e sulle strategie a disposizione del traduttore.
La seconda parte del corso sarà dedicata a problemi specifici riguardanti l’analisi e la traduzione di alcuni romanzi del secondo Novecento, con particolare riferimento all'area britannica, anglo-indiana e australiana, in cui il linguaggio si configura come dominante testuale sia dal punto di vista prettamente stilistico, che tematico e metanarrativo
Testi: Modulo ATesti primari
A.S. Byatt, Possession, London, Vintage, 1991.
C. Charke, Vestita da uomo. Un resoconto della vita della signora Charlotte Charke, Pisa, ETS, 2012.
Amitav Ghosh, Sea of Poppies, London, John Murray, 2008.
James Joyce, “The Dead”, in Dubliners, Harmondsworth, Penguin, 1992..
Patrick White, The Eye of the Storm, London, Vintage, 1995.



Testi secondari
Shaul Bassi, Andrea Sirotti, Gli studi postcoloniali, Firenze, Le Lettere, pp. 195-214.
Susan Bassnett and Harish Trivedi, Post-colonial Translation, London, Routledge, 1999, pp. 1-17 e un saggio a scelta da discutere in classe.
Antoine Berman, La traduzione e la lettera o l’albergo nella lontananza, Macerata, Quodlibet, 2003, pp. 41-64.
Franca Cavagnoli, La voce del testo, Milano, Feltrinelli, 2012.
G. Paduano, “Tradurre”, in M. Lavagetto, Il testo letterario: istruzioni per l’uso, Roma-Bari, Laterza, 1996, pp. 131-150.
Viktoria Tchernichova, Postmoderno e Postcoloniale, Pisa, ETS, 2007, Capitolo I e capitolo III.
Alessandro Vescovi, Amitav Ghosh, Firenze, Le Lettere, 2011, pp. 15-32, pp. 132-145.
Titolo - modulo BTra le lingue, tra i linguaggi: la traduzione del testo drammatico
Argomento: Modulo BIl corso mira a mettere a confronto lo studente con la specificità della traduzione per la scena, affrontando alcune questioni teoriche e pratiche che derivano dalla natura e dalla struttura del testo drammatico. Alle prospettive teoriche si affiancheranno l’analisi descrittiva di case studies e sessioni di laboratorio in cui gli studenti lavoreranno su una selezione di testi rappresentativi del teatro britannico dagli anni Novanta ad oggi.
Testi: Modulo BTesti primari:

Mike Bartlett, Contractions [2008], in Plays 1: My Child, Contractions, Artefacts, Cock, Not Talking, London, Methuen, 2011.
Sarah Kane, Blasted [1995], in Sarah Kane: Complete Plays, London, Methuen, 2001.
Martin McDonagh, The Beauty Queen of Leenane, London, Methuen, 1996 (o qualsiasi altra edizione).
Martin McDonagh, The Pillowman, London, Faber, 2003.
Mark Ravenhill, Shopping and Fucking, London, Methuen, 1996.

È vivamente consigliata la lettura dei testi primari prima dell’inizio delle lezioni.

Bibliografia critica di riferimento:

D. Edgar, “Provocative Acts: British Playwriting in the Post-war Era and Beyond”, in D. Edgar (ed.), State of Play. Playwrights on Playwriting, London, Faber, 1999, pp. 1-34.
A. Sierz, In-Yer-Face Theatre. British Drama Today, London, Faber, 2001 (ad esclusione dei capp. 2-3)
A. Sierz, Rewriting the Nation: British Theatre Today, London, Methuen, 2011.
L. Chambers, E. Jordan (eds), The Theatre of Martin McDonagh: A World of Savage Stories, Dublin, Carysfort Press, 2006.
David Lane, Contemporary British Drama, Edinburgh, Edinburgh University Press, 2010.


Strumenti teorici e metodologici:

S. Aaltonen, Time-Sharing on Stage: Drama Translation in Theatre and Society, Clevedon, Multilingual Matters, 2000.
G. Anderman, “Drama Translation”, in M. Baker (ed.), Routledge Encyclopedia of Translation Studies, London, Routledge, 1998, pp. 71-74.
D. Edgar, How Plays Work, London, Nick Hern, 2009.
V. Herman, Dramatic Discourse. Dialogue as Interaction in Plays, London/New York, Routledge, 1995.
A. Serpieri, “Tradurre per il teatro”, in R. Zacchi, M. Morini (eds.), Manuale di traduzioni dall’inglese, Milano, B. Mondatori, 2002, pp. 64-75.
S. Soncini, “Intersemiotic Complexities: Translating the Word of Drama”, in M. Bertuccelli Papi, G. Cappelli, S. Masi (eds.), Lexical Complexity: Theoretical Assessment and Translational Perspectives, Pisa, Plus-Pisa University Press, 2007, pp. 271-78.

Ulteriori indicazioni bibliografiche potranno essere fornite nel corso delle lezioni.
Eventuali indicazioni per non frequentantiEntrambi i moduli sono di impianto laboratoriale e prevedono pertanto la partecipazione attiva degli studenti. Eventuali studenti non frequentanti saranno tenuti allo studio indoviduale di tutto il materiale indicato in programma (testi primari, bibliografia critica e strumenti teorici e metodologici).

Propedeuticità richieste dal docenteModulo A: nessuna
Modulo B: frequenza dei laboratori e dei moduli di letteratura inglese del primo anno
Modalità d'esameModulo A: Per gli studenti frequentanti la prova finale consisterà in una prova scritta di traduzione dall’inglese e in un colloquio orale, inteso a verificare le competenze acquisite sui testi e sulla teoria della traduzione.
Gli studenti non frequentanti sosterranno un colloquio orale che verterà sul materiale indicato in programma (testi primari, bibliografia critica e strumenti teorici e metodologici) e sulla discussione di una traduzione condotta in autonomia su un testo preventivamente concordato con la docente.


Modulo B: Per gli studenti frequentanti la verifica dei risultati comprenderà: a) una prova finale di traduzione e commento da svolgersi sui testi affrontati durante il corso; b) un colloquio finale inteso a discutere e valutare le scelte traduttive del candidato; c) la valutazione della partecipazione al lavoro collettivo e di eventuali lavori svolti in itinere.
Gli studenti non frequentanti sosterranno un esame orale che verterà sul materiale indicato in programma (testi primari, bibliografia critica e strumenti teorici e metodologici) e sulla discussione di una traduzione redatta in autonomia da concordarsi preventivamente con il docente.
Prossimi appelli Da settembre 2014 le iscrizioni si raccolgono dal portale esami di ateneo

Ultimo aggiornamento: 24/7/2013


Home Altri anni accademici Operatori Docenti
Tutte le informazioni contenute in questo sito sono a disposizione del pubblico solo per uso privato. E' espressamente vietata la riproduzione totale o parziale a fini commerciali di testi e immagini qui pubblicati.