Anno Accademico: 2014-2015
:: Ricerca ::
Titolatura
Docente
Settore disciplinare
Corso di laurea
Iscrizione on line Appelli d'esame Avvisi
:: Insegnamento :: Linguistica romanza
Titolatura Linguistica romanza
CDS Lingue e Letterature Straniere (DM 270)
Docenti Maria Sofia Corradini
Tipo di insegnamento Corso
Codici/crediti Modulo B:386LL cfu:6
Modulo completo:250LL cfu:9
Settore scientifico - disciplinare L-FIL-LET/09 Filologia e linguistica romanza
NoteIl corso vale 9 CFU per il Curriculum A, e 6 CFU per i Curricula B e C.

Il corso si articola in due moduli, uno da cfu 3 ( condiviso con l’insegnamento di Filologia romanza) e uno da cfu 6. Per acquisire 9 cfu è necessario seguire entrambi i moduli; per acquisire 6 cfu è necessario seguire il modulo I e la prima parte del modulo II

Gli studenti immatricolati precedentemente all’a.a. 2006-2007 dovranno concordare col docente il programma da seguire ed acquisire i cfu come indicato:
Curriculum A: Lingue e culture letterarie europee Codice: LL047, CFU: 8
Curriculum B: Linguistica, lingue europee ed extraeuropee Codice: LL103, CFU: 4
Curriculum C: Lingue europee e storia delle arti visive e dello spettacolo Codice: LL150
CFU: 6

Gli studenti immatricolati a partire dall’a.a. 2006-2007 dovranno concordare col docente il programma da seguire ed acquisire i cfu come indicato:
Curriculum A: Lingue e culture letterarie europee Codice: LL150, CFU: 6
Curriculum B: Linguistica, lingue europee ed extraeuropee Codice: LL103, CFU: 4
Curriculum C: Lingue europee e storia delle arti visive e dello spettacolo Codice: LL103,
CFU: 4
Periodo lezioniPrimo semestre
OrarioSecondo semestre del corso di laurea in Lingue e Letterature Straniere (DM 270)
Commissione: MembriM. Sofia Corradini
F. Cigni
Commissione: SupplentiP. Beltrami
M.G. Capusso
Titolo - modulo A o unicoTitolo del corso: La formazione delle lingue romanze

Modulo A: Dal latino al romanzo
Argomento: Modulo AModulo A :
Si affronteranno le tematiche relative al passaggio dal sistema latino a quello romanzo, focalizzando l’attenzione su aspetti fondamentali di ambito linguistico e culturale e tenendo conto dei differenti approcci metodologici impiegati negli studi di romanistica.
Saranno presi in considerazione i principali caratteri delle lingue neolatine, osservandoli in prospettiva sincronica e diacronica.

Testi: Modulo ASi rimanda alla seguente bibliografia di riferimento (Modulo A) che è finalizzata all’approfondimento, da parte dello studente, degli argomenti trattati a lezione. Solo alcune parti, che saranno indicate di volta in volta, costituiranno materia di esame:

P. BEC, Manuel pratique de philologie romane, Paris, Picard, 1970 (2 voll.) H. LAUSBERG, Linguistica romanza, 2 voll., Milano, Feltrinelli, 1971
C. LEE, Linguistica romanza, Roma, Carocci, 2000
L. RENZI - A. ANDREOSE, Manuale di linguistica e filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2006
Au. RONCAGLIA, Scheda anamnestica d'un termine chiave, in "Strumenti di Filologia romanza. Il romanzo" (ed. Meneghetti), il Mulino, 1988
S. REINHEIMER - L. TASMOWSKI, Pratique des langues romanes, Paris, L'Harmattan, 1997
C. TAGLIAVINl, Le origini della lingue neolatine, Padova, Patron, 1969
A. VARVARO, Linguistica romanza. Corso introduttivo, Napoli, Liguori, 2002
Titolo - modulo BModulo B: Caratteri dell'area gallo-romanza e dell'area ispano-romanza
Argomento: Modulo BModulo B:
Saranno presi in considerazione i caratteri della variazione (diacronica, diatopica, etc) nelle aree gallo-romanza ed ispano-romanza, con approfondimento delle nozioni di grammatica storica verificate sui testi.
Testi: Modulo BSi rimanda alla seguente bibliografia di riferimento (relativa al modulo B) che è finalizzata all’approfondimento, da parte dello studente, degli argomenti trattati a lezione. Solo alcune parti, che saranno indicate di volta in volta, costituiranno materia di esame:
D’Arco S. AVALLE, Cultura e lingua francese delle origini nella ‘Passion’ di Clermont-Ferrand’, Milano-Napoli, 1962
J. J. DE BUSTOS TOVAR, La escisión latín-romance. El nacimiento de las lenguas romances:el castellano, in R. CANO (coord.), Historia de la lengua espanola, Barcelona, Ariel, 2004, pp. 259-290
Au. RONCAGLlA, La lingua d'oil, Roma, Edizioni dell'Ateneo, 1971
Au. RONCAGLIA La lingua dei trovatori, Edizioni del'Ateneo, 1965
H. WALTER, L 'aventure des langues en Occident, Paris, Laffont, 1994
H. WALTER, Le français dans tous les sens, Paris, Laffont, 1988.
Eventuali indicazioni per non frequentantiProgramma per non frequentanti:
L'obiettivo è quello di pervenire alla conoscenza della formazione storica delle lingue neolatine e dei tratti principali che caratterizzano ciascuna di esse. Si richiede un approfondimento delle nozioni relative alle lingue romanze studiate.

Bibliografia richiesta (per 6 cfu):

1) Il dominio romanzo e gli studi di romanistica.
Renzi: Introduzione e capp. 1-3; Varvaro: capp. 1-4.

2) Latino e latino volgare.
Sostrati e adstrati del latino: Varvaro capp. 38-39;
il latino e la complessità dei registri linguistici del cosiddetto "latino volgare" : Varvaro, capp. 36-37; Renzi, cap. 6 § l, 2;
principali caratteri (fonetici, morfologici, sintattici e lessicali) e fonti del latino volgare :Tagliavini, cap. 4; Renzi, cap. 7 § 3, 4.

3) Le lingue romanze.
Varietà e criteri di classificazione: Tagliavini, cap. 6;
mutamenti del sistema fonologico e morfo-sintattico: Varvaro capp. 24-25;
le lingue romanze a confronto: Renzi, cap. 8.

Ulteriore bibliografia (per 9 cfu):

4) il rapporto lingua/dialetto: Varvaro cap. 6;
lingue in contatto: Varvaro cap. 14-15;
i primi testi romanzi e le tradizioni scriptorie: Varvaro capp. 22-23; Renzi, cap. 9.

5) Approfondimento di un'area specifica:

per l'area gallo-romanza:
francese, provenzale, franco-provenzale: formazione storica e tratti linguistici (cfr. Tagliavini, cap. 6 § 69, 70, 71; Roncaglia, parte I; Bec, vol. II, pp. 6-25).

oppure

per L'area ibero-romanza:
spagnolo, portoghese, catalano: formazione storica e tratti linguistici (cfr. Tagliavini, cap. 6 § 72,73,74; nozioni fondamentali da Pellegrini, parte l°)

Bibliografia di riferimento:
P. BEC, Manuel pratique de philologie romane, Paris, Picard, 1970 (2 voll.)
G.B. PELLEGRINI, Grammatica storica spagnola, Bari, Leonardo da Vinci Editrice, 1966
L. RENZI - A. ANDREOSE, Manuale di linguistica e filologia romanza, Bologna, Il Mulino, 2003 (nuova edizione, 2006)
A. RONCAGLlA, La lingua d'oil, Roma, Edizioni dell'Ateneo, 1971
C. TAGLIAVINl, Le origini della lingue neolatine, Padova, Patron, 1969
A. VARVARO, Linguistica romanza. Corso introduttivo, Napoli, Liguori, 2002
Propedeuticità richieste dal docenteNon è richiesta nessuna propedeuticità, ma si ritiene imprescindibile l'acquisizione delle fondamentali nozioni geografiche e storiche relative all'area europea della tarda antichità e del medioevo.
Modalità d'esameEsame finale orale, ma sono previste anche prove scritte in itinere.
Prossimi appelli Da settembre 2014 le iscrizioni si raccolgono dal portale esami di ateneo

Ultimo aggiornamento: 30/7/2014


Home Altri anni accademici Operatori Docenti
Tutte le informazioni contenute in questo sito sono a disposizione del pubblico solo per uso privato. E' espressamente vietata la riproduzione totale o parziale a fini commerciali di testi e immagini qui pubblicati.